Fiori di Bach: manuale online per conoscere ed usare la floriterapia di Bach
promemoriaUsa il promemoria per ricordare i fiori di tuo interesse!
 
 

Miscela ad hoc

Carpe diem è la risposta alla domanda che spesso mi viene posta:

"Ho fatto un ciclo di fiori di Bach cambiando alcune miscele... ma quando sento il bisogno posso tornare all'ultima o a quella con la quale mi sono trovato molto bene?"

Carpe diem, perché solo sul presente l'uomo può intervenire e solo sul presente, quindi, devono concentrarsi le sue azioni, che, in ogni sua manifestazione, deve sempre cercare di cogliere le occasioni, le opportunità, le gioie che si presentano oggi, senza alcun condizionamento derivante da ipotetiche speranze o ansiosi timori per il futuro. L'importanza del presente nella scelta dei fiori di Bach è fondamentale, può non sembrare ma si è diversi da quel momento in cui si è presa quella miscela di rimedi che ha funzionato tanto bene. Attraverso un'accurata osservazione del presente si costruisce un futuro migliore, una scelta attenta dei rimedi basata sul qui ed ora ci permette di stare meglio. E' importante nella scelta dei fiori di Bach che:

La miscela è diversa da persona a persona nonostante il sintomo sia lo stesso. Quello che fa la differenza è come ognuno reagisce di fronte al problema, non il problema.

I rimedi sono differenti per la stessa persona in momenti diversi nonostante il sintomo. Magari qualche fiore può ripresentarsi nel corso del tempo, ci sono atteggiamenti che si tende a ripetere più di altri, forse per carattere, abitudini o esperienze vissute ma ogni volta il rimedio va scelto in base al momento.

Ti starai chiedendo:

Ma nella floriterapia non si tiene conto da dove nasce un problema?

Non si prende in considerazione l'origine?

Si e no, non scelgo i rimedi sulla base del passato perché comunque quello che sono, il mio atteggiamento attuale riflette ciò che sono stato. Mano a mano che procedo nell'uso della floriterapia tolgo lo strato superficiale, la buccia, le difese che ho creato trasformando piano piano anche il passato, o meglio, come io vivrò quello che è stato.