Fiori di Bach: manuale online per conoscere ed usare la floriterapia di Bach
promemoriaUsa il promemoria per ricordare i fiori di tuo interesse!
 
 

Rimedi per lo scoraggiamento o la disperazione

Riconquistare la speranza e la gioia

Questo gruppo di fiori è sicuramente quello più vario fra i fiori che vi appartengono.

Passando in rassegna le caratteristiche di ciascun fiore vedremo quanto sia differente il significato di scoraggiamento e disperazione fra queste essenze.

Quello che sicuramente intendeva Bach per disperazione e scoraggiamento è quella sensazione che prende quando si ha la sensazione di non essere in grado di procedere oltre nella vita, quando la vita che si vive non viene accettata per quello che è o per quello che insegna.

Larch, il fiore del Larice, è molto adatto per quelle circostanze in cui si pensa che gli altri siano migliori, ritenendo che non si sappia fare nulla.

Molto spesso è il fiore degli adolescenti, ma anche di tutte quelle persone che puntano l'attenzione soprattutto sulla meta da raggiungere, senza concentrarsi e senza entusiasmarsi sul percorso per raggiungere la meta.

La verità è che si impara durante il percorso, ed il risultato è soltanto un momento di questo percorso. Larch aiuta a prendere consapevolezza dell'esperienza infondendo fiducia in se stessi.

Altri due fiori di questo gruppo sono collegati alla sensazione di non farcela, ma in maniere molto diverse fra loro: Elm ed Oak, sono i fiori in questione.

Il primo, Elm, è adatto per tutti coloro che si sentono troppo pieni di impegni e pensano che effettivamente "tutto è troppo".

Il secondo, Oak, è il fiore di coloro che non ce la fanno più, ma che non si ascoltano e che continuano incessantemente nei loro sforzi. Oak è il fiore di quercia, di quella pianta che regge a tutto, anche ai fulmini, senza piegarsi mai, vivendo anche per tantissimi anni, poi improvvisamente senza nessun motivo si spezza.

Spesso le persone Oak stanno male, o accusano dei disagi al sabato e alla domenica, cioè quando si possono rilassare. In questi casi Oak diventa la loro benedizione.

Un capitolo a parte andrebbe dedicato a Star of bethelhem, il fiore per superare i traumi, in questi casi l'energia vitale della persona è bloccata dallo shock subìto.

E' meglio precisare che qualsiasi cosa si ritenga responsabile di un profondo turbamento è causa di shock, non obbligatoriamente deve essere qualcosa di "grosso". Ma se a volte si ritiene che qualche avvenimento o situazione sia responsabile dell'attuale stato di "stallo" si prenda in considerazione Star of bethelhem.

Questo fiore metterà di nuovo in moto la propria energia vitale e la propria capacità di autoguarigione.

Lo scoraggiamento può anche sopraggiungere prendendosi le colpe di tutto, o quando invece si dà agli altri la colpa di tutto.
E' preferibile usare la parola responsabilità piuttosto che colpa, ma per comprendere il significato profondo di questi due fiori, verrà usato comunque questo termine.

La persona Pine si addossa le colpe anche degli altri, e ricorre spesso all'uso della parola "scusa". Tendono a giudicarsi troppo negativamente e criticamente, della serie si poteva fare meglio... ma non l'ho si è fatto.

Le persone Willow sono le classiche persone "grigie, pesanti" che ritengono la loro vita una vita ingiusta ed iniqua. Ritengono che gli altri siano immeritatamente più fortunati di loro, e godono di questo loro "giusto" risentimento.

Loro non hanno mai responsabilità. In tutti e due i casi, sia con Pine che con Willow lo scoraggiamento avviene per la mancanza di senso della respons-abilità, ovvero del sentirsi abili nel rispondere alle situazioni della propria vita.

Crab Apple è il fiore che viene definito della pulizia, questo fiore permette di ripulire il corpo, la mente e lo spirito da tutto quello che si ritiene "impuro".

Le persone Crab Apple si riconoscono proprio per il loro morboso attaccamento all'aspetto fisico e alla pulizia. Un brufolo è una catastrofe, un bicchiere non perfettamente lindo è decisamente sporco, il sesso è sporco, ecc. ecc.

Con Crab Apple si impara ad accettarsi per quello che si è, facendo pulizia di quei pensieri limitanti, impropriamente, e spesso inconsciamente, ritenuti sporchi.

L'ultimo fiore di questa lunga serie è Sweet Chestnut, il fiore che permette di illuminare nuovamente il proprio percorso e la propria vita quando ormai si ha la sensazione di essere in un tunnel, in cui tutto è ormai inutile, anche se non lo si dice, anche se non lo si ammette.

E' un fiore che non dà solo energia come Oak o Elm, ma un fiore che dà speranza, e risolleva mettendo ognuno in contatto con il proprio Sé spirituale e con il senso della vita.